Pronto Soccorso

pronto_soccorso

cosa cerco

assistenza tecnica portale web

accesso autenticato



I collegamenti qui sopra non sono utilizzabili. Per assistenza sulle credenziali, contattare la UOC Infrastrutture Zona Centro (ex UOSI/UORTI).

Si è discusso di Radiomica, nuova scienza in oncologia, al recente congresso SIRM

Emanuele Neri.jpgSi è discusso anche di radiomica, una nuova scienza in oncologia, al recente congresso della Sirm- società italiana di radiologia medica svoltosi a Firenze e presieduto dal Prof. Carlo Bartolozzi.

Ne hanno discusso radiologi, oncologi e medici nucleari. In particolare, ne hanno parlato il Prof Emanuele Neri, nella foto a sx (ricercatore del Dipartimento di ricerca traslazionale dell’Università di Pisa) e il Dott. Gianluca Masi (Unità operativa di Oncologia medica 2 dell’Aoup, foto a dx).

Neri, presidente del gruppo di lavoro sulle biobanche dell’imaging della Società europea di Radiologia, ha sostenuto che la qualità della diagnosi e della cura del paziente oncologico è fortemente legata all’integrazione delle informazioni provenienti dall’imaging radiologico e medico nucleare, definendo questa integrazione con il termine già noto alla letteratura di "Radiomica". Ha sostenuto che l’informazione visiva fornita dall’imaging non è più sufficiente nella moderna diagnostica per immagini oncologica, ma deve basarsi sull’integrazione con multipli biomarcatori tumorali, come il volume della neoplasia, la cellularità, la neo-angiogenesi, etc.; questi biomarcatori sono già disponibili grazie alle moderne apparecchiature della radiologia e della medicina nucleare, ma devono ancora essere sviluppati e verificati Gianluca Masi.jpgnell’ambito di trial clinici, e soprattutto devono essere misurati con l’ausilio di sistemi esperti di bioinformatica. Si tratta di un nuovo fronte di ricerca della medicina, che coinvolge specialisti e ricercatori di diverse discipline, e il cui successo dipenderà da come sapranno interagire e condividere le proprie esperienze. A tal proposito Neri e Masi hanno ricordato l’importanza della gestione multidisciplinare del paziente oncologico e della personalizzazione dei trattamenti, laddove i multipli biomarcatori dell’imaging svolgeranno un ruolo determinante nelle scelte terapeutiche e per monitorare la risposta ai trattamenti.

Pisa, 27 maggio 2014

(pubblicazione a cura di Emanuela del Mauro)
Allegati:
Scarica questo file (Emanuele Neri.jpg)Emanuele Neri.jpg[ ]715 Kb27/05/2014
Scarica questo file (Gianluca Masi.jpg)Gianluca Masi.jpg[ ]167 Kb27/05/2014