Partecipazione
Indice
Partecipazione
Come Aderire
Fasi Attuazione
Elenco Accreditati
Come fare per
Normativa Regionale
Tutte le pagine
*** pagina in allestimento *****

altIL NUOVO SISTEMA DI PARTECIPAZIONE NELL'AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE : UN NUOVO INIZIO

La normativa nazionale prevede che all'interno delle strutture sanitarie, sia favorita la presenza e l'attivita' degli organismi di volontariato e di tutela dei diritti. A tal fine le aziende unita' sanitarie locali e le aziende ospedaliere stipulano con tali organismi, accordi o protocolli che stabiliscano gli ambiti e le modalita' della collaborazione, fermo restando il diritto alla riservatezza comunque garantito al cittadino e la non interferenza nelle scelte professionali degli operatori sanitari.

Il servizio sanitario toscano, in coerenza con i valori costituzionali e statutari e con i principi fondanti del servizio sanitario nazionale, pone quale primo punto dei propri principi costitutivi “la centralità e partecipazione del cittadino, in quanto titolare del diritto alla salute e soggetto attivo del percorso assistenziale “(art. 3 comma 1 LRT 24.02.2005 n.40) .

Già da tempo nella Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana sono attivi Protocolli di Intesa con le Associazioni ed è operativo il Comitato di Partecipazione Aziendale.

Recentemente la Toscana ha approvato la Legge Regionale n. 75/2017 ("Disposizioni in materia di partecipazione edi tutela dell'utenza nell'ambito del servizio sanitario regionale. Modifiche alla l.r.t. 40/2005") con la quale ha provveduto ad una complessiva revisione delle forme di partecipazione, integrandole in maniera organica con la nuova organizzazione nata dalla riforma 2015 del SSR, con l'obiettivo di renderle più consapevoli ed efficaci.

Con la Delibera della Giunta Regionale n.177 del 26 febbraio 2018 sono stati dettati gli Indirizzi per il funzionamento degli organismi di partecipazione approvando , in allegato:

In base alle direttive regionali, l’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, è stata chiamata :

- a sottoscrivere i nuovi protocolli di intesa rivisti alla luce delle recenti normative - previa valutazione dei requisiti previsti - con le associazioni di volontariato, tutela e di promozione sociale che intendano continuare/iniziare ad operare all’interno delle strutture aziendali;

- alla nomina del nuovo Comitato Aziendale di Partecipazione, acquisite le designazioni dei componenti (un titolare ed un supplente) da parte delle associazioni sottoscrittrici dei nuovi protocolli di intesa che abbiano fatto espressa richiesta di far parte del Comitato stesso e previa accettazione del regolamento di funzionamento. Il Comitato Aziendale ha funzioni di consultazione e proposta a supporto della direzione aziendale in merito alla qualità dei servizi erogati dall’azienda, con particolare riferimento all’equità nell’accesso e nella fruizione dei servizi.

-a sottoscrivere, anche successivamente alla sottoscrizione del protocollo, ulteriori atti contenenti le “modalità operative che regolamentano la presenza nelle strutture aziendali delle associazioni che svolgono attività di contatto diretto con i cittadini ricoverati”;