Pronto Soccorso

pronto_soccorso

cosa cerco

assistenza tecnica portale web

accesso autenticato



I collegamenti qui sopra non sono utilizzabili. Per assistenza sulle credenziali, contattare la UOC Infrastrutture Zona Centro (ex UOSI/UORTI).

Il Prefetto di Pisa visita il Centro trasfusionale di Cisanello: al via la campagna sulla donazione

20181004_120838_resized.jpgIl sangue è vita, è importante ricordarlo. Senza la generosità dei donatori negli ospedali non sarebbero possibili infatti interventi come i trapianti e tutte le operazioni chirurgiche salvavita. Proprio perché è un bene così prezioso e necessario, capita però spesso che scarseggi, per una serie di fattori legati alla stagionalità, all’epidemiologia, alla semplice dimenticanza. Ecco perché ricordare l’importanza della donazione non è mai superfluo.
E’ questo lo spirito della campagna di sensibilizzazione “Donare: un gesto di solidarietà che salva la vita” coordinata dalla Prefettura di Pisa, cui aderiscono una serie di enti e istituzioni, le associazioni di donatori Avis (comunale e provinciale), Fratres, Croce rossa italiana e Pubblica assistenza, Panathlon, che prevede una serie di iniziative su più fronti, che dureranno anche nei prossimi mesi.
La campagna viene inaugurata oggi dal Prefetto di Pisa, la dottoressa Angela Pagliuca, con una visita ufficiale all’Unità operativa di Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti di Cisanello che, per l’occasione, assicurerà le aperture festive ogni 1° domenica del mese, a partire da domenica 7 ottobre, dalle 8 alle 12 per agevolare la donazione del sangue.
Parallelamente, le associazioni di volontariato saranno presenti sabato 6 ottobre con gazebo informativi nelle principali piazze di Pisa per sensibilizzare la popolazione alla donazione.
Sono previste anche iniziative in collaborazione con le forze dell’ordine, le scuole, le associazioni parrocchiali, per diffondere un messaggio di solidarietà trasversale, che raggiunga tutta la popolazione.
L’ospedale di Pisa è infatti ad alta vocazione chirurgica, sede del Centro trapianti di fegato, rene-pancreas e di cellule staminali ematopoietiche, Centro di riferimento per i gravi politraumi di tutta l’Area20181004_114732_resized.jpg vasta nord-ovest, per cui necessita del costante supporto dei donatori al fine di reperire gli emocomponenti necessari a tali attività cliniche.
Anche quest’anno si è sfiorata l’emergenza per il calo di donazioni dovuto al periodo estivo. Questo dato conferma il trend a ribasso delle donazioni a livello nazionale. La causa di tutto questo può essere individuata in vari fattori fra cui alcune patologie infettive (es. virus Chikungunya, Febbre dell’Ovest del Nilo), le normative nazionali emanate al fine di innalzare il livello qualitativo degli emocomponenti (es. la donazione differita). Ecco perché è necessario sensibilizzare la popolazione, affinché il numero dei donatori aumenti progressivamente.
Numero donatori sangue Pisa:
2015: 11.588
2016: 10.801
2017: 9.614
a settembre 2018: 6.500
Questi dati si contrappongono a una necessità annuale media, per le attività dell’Aoup, di circa 30mila sacche l’anno. Al disavanzo si fa fronte con gli emocomponenti donati nell’ambito della Regione Toscana e distribuiti in compensazione dal Centro regionale sangue.
Come si dona
I donatori possono presentarsi spontaneamente o tramite le associazioni di volontariato presenti sul territorio. Gli orari di apertura del Centro trasfusionale di Cisanello (Edificio 2 C) sono i seguenti: dalle 8 alle 11 dal lunedì al sabato a cui si aggiungono le aperture festive.
20181004_114309_resized.jpgDove si dona
Nella nuova sala donatori, strutturata con 16 poltrone da prelievo, è possibile effettuare contemporaneamente la raccolta di 10 donazioni di sangue intero e 5 donazioni in aferesi. Se il donatore si presenta rispettando la fascia oraria di convocazione, il tempo medio di attesa per l’accettazione è di circa 15 minuti. Se invece si presenta spontaneamente, non convocato, il tempo di attesa per l’accettazione dipende dall’afflusso dei donatori prenotati tramite AgenDona.
Istruzioni per i donatori non abituali
I donatori non abituali (che non donano il sangue da almeno 2 anni o che vogliano iniziare il percorso di donazione) sono sottoposti, secondo i protocolli di sicurezza e di qualità, alla donazione cosiddetta “differita”, che è possibile prenotare telefonicamente al numero 050 99 37 41, o recandosi direttamente all’accettazione del Centro trasfusionale (o attraverso il personale delle associazioni). Gli appuntamenti per le donazioni differite saranno sempre inseriti nella fascia oraria 11-12, dal lunedì al sabato. Non è possibile accettare appuntamenti oltre l’orario indicato poiché gli esami ematochimici non possono essere inviati al Laboratorio analisi di riferimento dopo le 12.30. L’aspirante donatore deve presentarsi in accettazione munito di tessera sanitaria e documento di riconoscimento in corso di validità. Come avviene per il donatore periodico, gli verrà consegnato il questionario anamnestico che dovrà essere compilato in ogni sua parte prima di presentarsi alla visita medica.

(scritto da Emanuela del Mauro, 4 ottobre 2018)

IL COMUNICATO STAMPA DELLA PREFETTURA DI PISA20181004_114500_resized.jpg

Il Prefetto Angela Pagliuca ha visitato l’Unità Operativa di Medicina Trasfusionale e Biologia dei Trapianti dell’Ospedale Cisanello di Pisa accompagnata dai vertici locali delle Forze di Polizia, il Questore dr. Paolo Rossi, dal Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. Nicola Bellafante e dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza col. Giancarlo Franzese. L’iniziativa è in linea con la direttiva del Ministro dell’Interno Salvini ove si precisa che la donazione di sangue continuativa e volontaria, oltre a costituire una risposta all’emergenza medico-sanitaria, “è indice di un bagaglio di valori che si fondano sulla condivisione e partecipazione e che si riflettono positivamente sulla sicurezza e la salute dei cittadini.” L’iniziativa è la prima di una serie per favorire, anche coinvolgendo le istituzioni, le donazioni tra i giovani, perché siano sensibilizzati verso i temi della solidarietà e del dono. Individuare e favorire nuove strategie da mettere in atto con continuità e non solo nell’emergenza è l’obiettivo della giornata dedicata alla raccolta sangue programmata per domenica 7 ottobre. “La donazione di sangue non è un argomento che lascia indifferenti”, ha detto il Prefetto Pagliuca che ha così proseguito: “ho indirizzato la mia attività professionale in questo territorio volgendo anche lo sguardo al perseguimento dei valori etici della persona e della società nel suo insieme.
La donazione di organi, gesto di estrema generosità che tocca le corde profonde dell’animo umano e la vita di ciascuno di noi, rientra certamente tra questi valori.
È anche così che si rafforza lo spirito di solidarietà, che si dà senso al vivere comune”, ha ribadito, infine il Prefetto, augurando una buona giornata a tutti, in particolare ai donatori di sangue.
20181004_114540_resized.jpg20181004_114621_resized.jpg20181004_114647_resized.jpg20181004_114753_resized.jpg





Allegati:
Scarica questo file (20181004_114309_resized.jpg)20181004_114309_resized.jpg[ ]341 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114500_resized.jpg)20181004_114500_resized.jpg[ ]385 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114540_resized.jpg)20181004_114540_resized.jpg[ ]362 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114621_resized.jpg)20181004_114621_resized.jpg[ ]401 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114647_resized.jpg)20181004_114647_resized.jpg[ ]383 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114657_resized.jpg)20181004_114657_resized.jpg[ ]371 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114732_resized.jpg)20181004_114732_resized.jpg[ ]401 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_114753_resized.jpg)20181004_114753_resized.jpg[ ]393 Kb04/10/2018
Scarica questo file (20181004_120838_resized.jpg)20181004_120838_resized.jpg[ ]390 Kb04/10/2018