UO Urologia 2

Indice articoli

Stabilimento di Cisanello

Edificio 30 Ingressi C/E

Direttore o responsabile f.f.:

dott.Giorgio Pomara

Tel. 050/997744

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

ATTIVITÀ E ORGANIZZAZIONE DEL REPARTO

L'Urologia 2 Ospedaliera è dal 1997 Centro Regionale di Riferimento per i Tumori del Rene. La maggior parte dell'attività chirurgica è dedicata al trattamento della patologia neoplastica di RENE, VESCICA e VIE URINARIE, PROSTATA, TESTICOLO e PENE.

Patologia neoplastica:

• Rene:

◦ enucleazione/enucleoresezione di tumore renale con approccio laparoscopico robot-assisted (Da Vinci Surgical System) o a cielo aperto;

◦ nefrectomia semplice o radicale laparoscopica o a cielo aperto;

◦ nefrectomia radicale con asportazione di trombosi cavale a cielo aperto.

• Vescica:

◦ resezione endoscopica di tumore vescicale (Turb-t);

◦ cictectomia radicale con ricostruzione di serbatoio vescicale ileale ortotopico (neovescica ileale sec. Studer) o di serbatoio ileale eterotopico non continente (uretero-ileocutaneostomia sec. Bricker) con approccio laparoscopico robot-assisted (Da Vinci Surgical System) o a cielo aperto; in casi rari e molto selezionati ureterocutaneostomia mono e/o bilaterale (UCS) con approccio laparoscopico robot-assisted (Da Vinci Surgical System) o a cielo aperto.

• Vie Urinarie:

◦ ureterorenoscopia (URS) diagnostica e terapeutica;

◦ ureterectomia parziale con ureterocistoneostomia (UCNS) a cielo aperto;

◦ nefroureterectomia a cielo aperto.

• Prostata:

◦ resezione endoscopica nei pazienti con tumore della prostata (Turp-k);

◦ prostatectomia radicale, con conservazione dei fasci vascolo-nervosi (bundles) deputati all'erezione (nei casi selezionati), con approccio laparoscopico robot-assisted (Da Vinci Surgical System) o a cielo aperto (pazienti non indonei alla chirurgia robotica).

• Testicolo:

◦ orchifunicolectomia.

• Pene:

◦ penectomia parziale e totale.

Tutti i casi clinici oncologici vengono discussi in presenza di un team multidisciplinare che comprende l'oncologo, il radioterapista, il radiologo e l'urologo per decidere il follow-up (controlli da eseguire nel tempo) e/o la necessità di cure aggiuntive (C.O.R.D.).

Oltre a questa attività principale di alta complessità chirurgica, vengono trattate diverse patologie di complessità inferiore

• Patologia litiasica: litotrissia extracorporea con onde d'urto (ESWL), chirurgia retrograda intrarenale (RIRS), nefrolitotomia percutanea (PCNL), litotrissia endoscopica vescicale.

• Patologia ostruttiva: ipertrofia prostatica, malattia del collo vescicale, stenosi uretrale.

• Patologia malformativa: *sindrome del giunto pielo ureterale, megauretere, reflusso vescico-ureterale, stenosi uretrale.

*La patologia del giunto pieloureterale viene corretta con tecnica laparoscopica robot-assisted (da Vinci Surgical System) o a cielo aperto (recidiva o pazienti non indonei alla chirurgia robotica).

• Patologia congenita uro-genitale.

• Patologia Andrologica: varicocele, recurvatum penis, fimosi, deficit erettile.

• Patologia Uroginecologica: incontinenza urinaria, **cistocele, patologia del pavimento pelvico, diverticoli dell'uretra;

**La correzione del prolasso urogenitali viene effettuato con l'intervento di colposacropessi laparoscopica robot-assisted (da Vinci Surgical System).

• Incontinenza urinaria maschile (Advance Male Sling, impianto di sfintere artificiale).

• Patologia traumatica urologica e uro-genitale.

Un capitolo a parte merita la correzione chirurgica dell'identità di genere. Presso il Reparto di Chirurgia Generale II vengono effettuati interventi di riassegnazione chirurgica dei caratteri sessuali, frutto della collaborazione tra le consolidate esperienze delle due Unità Operative in merito all'area uro-genitale:

• Chirurgia Andro-Ginoide (vaginoplastica, colon-vaginoplastica);

• Chirurgia Gino-Androide (falloplastica, metoidoplastica).